email facebook twitter google+ linkedin pinterest
LAC Lugano Arte e Cultura

25° FIT Festival Internazionale del Teatro e della scena contemporanea

Festival Internazionale del Teatro e della scena contemporanea
30 settembre – 6 ottobre 2016
Ricorderete il primo passo, l’anno scorso, in punta di piedi il FIT Festival arrivava in piazza Bernardino
Luini ed entrava in Sala Teatro.
Ricorderete la metafora del giardiniere e delle rose: “Noi abbiamo cominciato a coltivare un grande
giardino. Il giardiniere ha aperto una porta, il padrone di casa ci ha accolto. Se son rose fioriranno”.
Questa è l’edizione del primo roseto. Non vere e proprie “spalliere fiorite”, ma rose di qualità rara e dal
profumo intenso.
Un progetto sviluppatosi con la volontà di interrogarsi, insieme: da una parte una struttura
indipendente come il FIT e, dall’altra, il livello più istituzionale, la Città di Lugano e LuganoInScena
nello specifico. La scommessa su una “buona pratica” che prevede autonomia artistica e coraggio
nella condivisione del pensiero, in un circolo virtuoso di grande nutrimento.
Si prospetta così un festival, poetico, elegante, vigoroso e militante.
Non tradisce il suo spirito internazionale e innovatore.


Tra le anticipazioni: un grande nome della danza contemporanea, Hofesh Shechter, coreografo
anglo-israeliano che negli ultimi dieci anni si è imposto a livello internazionale. In prima svizzera, dopo
Avignone arriverà a Lugano “Barbarians” uno spettacolo ad “alta pressione spettacolare”, su musiche
da lui stesso curate, composte e attinte da un repertorio che dalla classica arriva al rock.


Dall’Estonia arriva Theatre N099. Theatre NO99 è un teatro a Tallinn, una troupe di dieci attori
diretti artisticamente da Tiit Ojasoo e Ene-Liis Semper. È un teatro, ma è anche molto di più.
L’eccellenza di questo gruppo si è espressa nel corso degli anni in varie forme d’arte: dalla video-arte
alle installazioni, al teatro, alla scenografia, ai film. Con “NO55 Ash the money”, vincono la Triennale a
Praga nel 2015. Le loro opere sono sempre segnate da concezioni forti, da un'estetica di
abbondanza e dal perseguimento di una totale Gesamtkunstwerk.
Al LAC con “NO42 El Dorado: The Clowns’ Raid of Destruction”, si esploreranno i paradossi della
condizione umana. Si condurrà il pubblico nel lato più oscuro del desiderio con un linguaggio teatrale
dal forte impatto visivo e con un implacabile livello di energia. Impossibile da dimenticare.


Il ritorno di Lucia Calamaro, già al FIT Festival nel 2015 nella sala del LAC con l’indimenticabile e
pluripremiato “Origine del mondo”. In questa edizione a Lugano con il suo nuovo lavoro in tre atti “La
vita ferma. Dramma sul dolore del ricordo”.


Direzione artistica
Paola Tripoli


Image

Contatti

FIT – Festival Internazionale di Teatro
www.fitfestival.ch
Viale Cassarate 4 - Lugano
tel.: 091 922 61 58
info@fitfestival.ch