email facebook twitter google+ linkedin pinterest
LAC Lugano Arte e Cultura
Calendario e informazioni >
X Chiudi

Lunedì
10 dicembre

20:30

K

Teatro FOCE

dal romanzo di Martin Page

adattamento e regia Corrado Accordino

con Corrado Accordino, Viola Lucio, Marco Rizzo, Alessia Vicardi

scene e costumi Maria Chiara Vitali

disegno luci Stefano Capra

aiuto regia Valentina Paiano

produzione Compagnia Teatro Binario 7

Rassegna in collaborazione con il Centro Artistico MAT

Durata: 1h 30'

 

video

Come sono diventato stupido

dal romanzo di Martin Page, drammaturgia e regia Corrado Accordino

TeatroMAT

Tickets

“Conosco un sacco di idioti, incoscienti, gente piena di certezze e di pregiudizi, dei perfetti imbecilli, e come sono felici!”: lo spettacolo è un invito a non lasciarci sfuggire le occasioni di bellezza che quotidianamente accadono intorno a noi, un'esortazione a vivere il “qui e ora”, liberandosi dalle strutture e guardando alla nostra esistenza con ironia e leggerezza.

Antoine ha una grave malattia: l’intelligenza. È una persona particolarmente dotata, più della media, e ha capito che la sua curiosità intellettuale è una condanna. Tenta varie strade per risolvere la sua difficoltà fino a quando prenderà la decisione definitiva, diventare stupido. Lo farà attraverso gruppi di educazione al suicidio, abuso di farmaci, ipotesi di lobotomia, lunghe serate trascorse a giocare a Monopoli. Ma non è così facile, il percorso è più accidentato di quanto sembri. Lui vorrebbe dimenticare di capire, appassionarsi alla quotidianità, credere nella politica, comprare bei vestiti, seguire gli avvenimenti sportivi, fantasticare sull'ultimo modello di automobile, guardare con interesse e partecipazione emotiva i programmi televisivi. Vorrebbe tutto questo. E soprattutto vorrebbe stare bene con gli altri, non capirli, ma essere come loro, fra di loro, uno di loro, e come loro condividere le stesse cose.

“Una commedia brillante e ben interpretata sull'intelligenza ‘come una malattia, ma per cui per fortuna esiste una cura’.” (Marta Calcagno, il Giornale)