email facebook twitter google+ linkedin pinterest
LAC Lugano Arte e Cultura
Calendario e informazioni >
X Chiudi

Martedì
12 marzo
20:30


12–13.03

Date e orari
20:3012.03.2019
20:3013.03.2019

I

Sala Teatro LAC

di Elfriede Jelinek

da La morte e la fanciulla I-V. Drammi di principesse (ed. La nave di Teseo)

traduzione Luigi Reitani

regia Alan Alpenfelt

dramaturg Francesca Garolla

con (in ordine alfabetico) Caterina Filograno, Francesca Mazza, Anahì Traversi, Carlotta Viscovo 

e con la cortese partecipazione del 35.esimo Presidente degli Stati Uniti d’America John “Jack” Fitzgerald Kennedy Fabrizio Rocchi

musiche originali ed eseguite dal vivo da Elena Kakaliagou, Ingrid Schmoliner

scene e costumi Annelisa Zaccheria

video Roberto Mucchiut

luci Fiammetta Baldiserri

coreografia Francesca Sproccati

wrestling coach Luca Rusconi "Belthazar"

aiuto regia Nello Provenzano

assistente costumista e sarta di scena Annabelle La Chimia 

produzione LuganoInScena

in coproduzione con V XX ZWEETZ,
LAC Lugano Arte e Cultura

con il sostegno di Ernst Göhner Stiftung

sponsor tecnico Sala Ferramenta,
Lugano Center GuestHouse

si ringraziano Splash & Spa Tamaro SA,
Pro Wrestling Training Ticino

Durata: 1h 30'

Sponsor di produzione e coproduzione

Jackie

di Elfriede Jelinek, regia Alan Alpenfelt

TeatroAbbonamentoFocus America: una prospettivaFocus LIS Factory

Tickets

Jackie è il quarto dei testi del progetto sui miti femminili dell’autrice austriaca – Premio Nobel per la Letteratura 2014 – Elfriede Jelinek, messo in scena da Alan Alpenfelt con la volontà di esplorare i misteri della dialettica tra oppressore e oppresso.

Jacqueline – Jackie – Lee Bouvier Kennedy Onassis è la First Lady americana più famosa della storia, icona di una società che rispecchia un mondo televisivo, un mondo in cui l’immagine vale più della realtà. Jackie è il prototipo di una nuova donna, della moglie, della madre e della vedova perfetta, prigioniera del suo elegante completo Chanel macchiato di sangue e materia cerebrale. 
Jackie sembra non poter più uscire dal suo personaggio, diventando lo specchio di qualcosa che ci appartiene. Noi stessi siamo Jackie. Noi, con la faccia imbellettata e l’abito della festa, con il nostro peso forma e le foto di famiglia. Noi che non conosciamo chi sia davvero Jackie come forse non conosciamo noi stessi. Ed è così che Jackie ci instilla il dubbio che dietro all’immagine e all’iconicità pop ci sia una cruda verità e che la vera esistenza sia altrove.

"Alla luce di recenti vicende di cronaca sulle valanghe di accuse nei confronti del produttore cinematografico americano Weinstein, ho trovato che il femminile potesse essere un interessante focus di partenza da indagare per esplorare i misteri della dialettica tra oppressore e oppresso. Senza voler trovare né vittime designate né potenziali eroine, i personaggi femminili offrono una condizione ulteriore in cui l'oppressione si rivela forse con maggiore evidenza: il controllo sulla libertà, sui desideri e i ruoli, sulla possibilità di esprimersi e i conseguenti effetti fisiologici, corporei, psichici e linguistici a lungo termine." (Dalle note di regia)