email facebook twitter google+ linkedin pinterest
LAC Lugano Arte e Cultura
Calendario e informazioni >
X Chiudi

direzione Sanja Mitrovic
concetto e performance Sanja Mitrovic e Vladimir Aleksic
drammaturgia Jorge Palinhos e Olga Dimitrijevic
video editor Nikola Vrzic e Sinisa Mitrovic
camera Vladimir Pavic
produzione Sanja Mitrovic / Stand Up Tall Productions (Amsterdam) e BITEF Theatre (Belgrade)
in coproduzione con Beursschouwburg (Brussels)
partner Pianofabriek (Brussels), Cental Film (Belgrade), Yugoslav Cinematheque (Belgrade), Avala Film (Belgrade), Film Center Serbia (Belgrade), National Theatre "Tosa Jovanovic" (Zrenjanin)
con il supporto di Flemish Community, Flemish Community Commission, City of Belgrade

Durata: 1h

presentato all'interno del

video

I am not ashamed of my communist past

Sanja Mitrovic / Vladimir Aleksic

Spettacolo in serbo, sopratitoli in italiano

In I Am Not Ashamed of my communist past Sanja Mitrović e il famoso attore serbo Vladimir Aleksić affrontano la recente storia della Repubblica socialista federale di Jugoslavia, un paese che ora esiste solo nell’ immaginazione e nella memoria. Eppure l’idea fondamentale della SFRY, quale stato multietnico, multi-religioso e socialista, è ancora rilevante per le lotte europee di oggi. Questa è la convinzione che ha riunito questi due artisti e amici d’infanzia, entrambi emigrati nel 2001. Mentre Sanja vive e lavora in Europa occidentale, Vladimir è tornato in Serbia, ricostruendo la sua vita lì.

Questa indagine si svolge attraverso un dialogo tra cinema e teatro, intrecciando il corso delle vite dei due artisti con la storia del cinema jugoslavo, il passato socialista del paese, il senso della comunità, le guerre nazionaliste, il revisionismo neoliberale e la devastazione della loro città natale. Nella società odierna, è possibile restare fedele agli ideali in cui una volta abbiamo creduto? Cosa ancora unisce le comunità che condividono lo stesso spazio?

Come gli artisti valutano il valore della loro vita e del loro lavoro e il peso delle scelte che hanno fatto, ci conducono ad un’analisi nitida del presente.

BELGIO/SERBIA